Serata all’insegna del digitale DMR – 2° incontro

L’ innovativa modalità di trasmissione abbisogna infatti di particolari attenzioni  per l’apparente difficoltà di comprensione, che comunque, con qualche illuminata dritta da parte di chi diciamo così se ne intende, viene spianata la strada al comune radioamatore.

All’uopo è stato organizzato in ERA Palermo un apposito simposio formativo, il secondo del genere, aperto a tutti i radioamatori che ne avessero interesse, approfittando della profonda conoscenza ed esperienza sul campo dell’innovativo sistema di comunicazione da parte del collega IW9CHH, Tony Marletta, vice Presidente della Sezione, che sta curando la realizzazione della complessa rete digitale e IT9HNQ, anch’egli nostro socio ed esperto in apparati DMR.

Il giorno prefissato, il 19 novembre 2019 per l’appunto, dei tanti che si sono prenotati  in parecchi sono in realtà intervenuti nella sala riunioni della Sezione, soprattutto radioamatori locali o dei dintorni di Palermo.

La prolusione introduttiva è stata illustrata dal collega Tony, che si è soffermato sull’aspetto teorico delle trasmissioni in DMR, descrivendone le caratteristiche e le potenzialità applicative ad ampio raggio, ideali specialmente in caso di emergenze nazionali, senza sottovalutare le molteplici applicazioni civili e radioamatoriali, che sono quelle che più direttamente ci interessano,  spaziando dal campo delle comunicazioni a quello della sperimentazione.

La fluidità e semplicità dell’esposizione ha messo tutti gli astanti in condizione di acquisire le nozioni di base per districarsi nel nuovo modo di comunicare con maggior scioltezza.

La relazione di Marco Maggio IT9HNQ ha poi completato il seminario con l’illustrazione dettagliata ed esplicativa sull’uso degli apparati DMR, sulla loro strutturazione e relative funzioni .

Si è poi soffermato sulla programmazione degli apparati digitali, mediante opportune delucidazioni sui programmi di gestione e sull’indicazione delle fonti di acquisizione dei dati da inserire al loro interno, secondo le esigenze personali di ciascun operatore.

La serata si è conclusa con un animato scambio di opinioni sull’argomento, accompagnato da un cordiale ospitale rinfresco.

Un attestato infine ha sancito per ognuno dei presenti la partecipazione al corso.-

IT9WAT Mimmo Radosta

Facebooktwitterby feather
Avatar

Author: Mimmo Radosta