Giuseppe Biagi risponde alla QSL

 

Giuseppe Biagi, nipote del più famoso omonimo risponde alla lettera inviata dal nostro socio Radosta Girolamo IT9WAT

A nome di tutta la  Fam. Biagi, ma soprattutto a quello mio personale voglio sinceramente ringraziare tutti voi per la bellissima lettera, Qsl  e delle iniziative che ancor oggi portate avanti per ricordare delle pagine di storia e di eroi oramai dimenticati …….in Italia…..mentre ti posso garantire che all’ estero non è così.

Nel 2018 sono riuscito a rintracciare tutti i discendenti di tutti i protagonisti dell’epica vicenda e ci siamo incontrati per la prima volta a Roma dopo 90 anni.

Da allora abbiamo fatto varie commemorazioni e incontri anche fuori Italia.

Tra pochi giorni sarà attivo il sito web dell’associazione da noi  appena fondata e si apriranno contemporaneamente le iscrizioni all’ associazione ONLUS da noi fatta.

(vuole essere solamente un’informazione e non richiesta  di adesione che è libera per tutti).

Anzi a tal proposito volevo chiederVi se potrebbe farvi piacere se nel ns. sito  alla sezione siti amici inserissimo anche il Vs. logo accompagnato da poche righe esplicative su chi e cosa fate, ovviamente la cosa se interessa è bilaterale.

Sarà un’ enorme piacere per me venirvi a trovare, oramai penso e presumo la prossima estate o giù di lì, per fare quattro chiacchere tutti insieme.

Giuseppe Biagi

 

Di seguito la lettera che ERA Palermo ha inviato a Giuseppe Biagi

OGGETTO:  I radioamatori non dimenticano: 1° Giuseppe Biagi Day

L’Associazione  radioamatori E.R.A. – European Radioamateurs Association –  con sede in via Paolo Paternostro, n. 43, c.a.p.90146 Palermo, al fine di onorare ed immortalare la memoria dei ” i giganti” della nostra categoria che si sono distinti per aver portato lustro e notorietà con le proprie opere e con comportamenti che vanno al di là delle normali capacità umane, ha ritenuto di promuoverne il ricordo alle nuove generazioni e continuerà a farlo in futuro, ritenendoli non a torto meritevoli di essere commemorati per i loro eroici comportamenti, che travalicano ogni comune comprensibilità.

Personaggi umili,  ma che giganteggiano per le loro imprese estreme.

L’ERA ha preso a cuore questi rari esempi di umanità, ritenendoli degni di memoria, ed ha istituito apposite giornate celebrative, attraverso l’attivazione di Contest dedicati,  stazioni destinate a ciascun personaggio riconosciuto meritevole di particolare attenzione, dalle quali collegare quanti, radioamatori, si mettessero in contatto, utilizzando frequenze specifiche ad essi riservate.

Contest, appunto, nel gergo dei più fanatici radioamatori! A quanti si mettessero in contatto via radio, viene  poi rilasciata dalla stazione “speciale” apposita QSL Card, cartolina commemorativa del personaggio celebrato, nella quale viene specificata ogni caratteristica dell’avvenuto contatto in ricordo di quella particolare giornata evocativa.

L’European Radioamateurs Association ha così istituito alcuni anni fa il Kolbe Day, in memoria di un colosso di una umanità ai tempi odierni difficilmente concepibile, figuriamoci eguagliabile: padre Massimiliano Kolbe. 

Si è infatti voluto commemorare e celebrare col Kolbe day l’ umile ma incommensurabile sovrumano coraggio e conseguente sacrificio di un sacerdote polacco, che si è spontaneamente immolato per salvare dalla fucilazione nazista una famiglia, sostituendosi al suo posto all’ultimo momento durante la seconda guerra mondiale. Giustamente santificato da Papa Giovanni Paolo II, adesso è universamente riconosciuto protettore dei  radioamatori, quale egli stesso era durante la sua vita terrena.

Il Personaggio che l’ERA adesso ha voluto ricordare e sponsorizzare è un altro indimenticabile appassionato amante della radio, Giuseppe Biagi,  radiotelegrafista del Dirigibile Italia, col quale il Generale Nobile, dopo aver percorso circa 1500 Km verso il polo nord, alle ore 00:20 del  24 Maggio 1928, è sul punto geografico zero.

Tutti conosciamo la dolorosa vicenda accorsa all’aeronave ed al suo equipaggio, dopo il suo schiantarsi  sulla banchisa polare durante il viaggio di ritorno verso la base logistica “Baia del Re”.

Il marconista della spedizione, Biagi, il 26 maggio inviò le prime richieste di soccorso, ripetutamente rilanciate alla nave appoggio Città di Milano durante il periodo in cui l’equipaggio superstite riparò sotto la cosiddetta Tenda Rossa.  Il segnale di soccorso fu ricevuto soltanto la sera del 2 giugno da Nicolaj Schmidt radioamatore russo, che intercettò un frammento di messaggio dal quale risultava che i naufraghi dell’Italia erano ancora vivi: SOS ITALIA NOBILE… . Nella tarda sera del 2 giugno, su 9 MHz, Nicolaj Schmidt capì l’importanza dell’evento ed informò a Mosca la Società Amici della Radio. La nave appoggio Città di Milano  poco dopo intercettò il messaggio completo ed avviò le ricerche sul punto esatto della Tenda Rossa. La fortunosa vicenda, vissuta fra inenarrabili patimenti dovuti alla prolungata permanenza in condizioni estreme, grazie agli insistenti appelli via radio di Biagi, terminò solo il 12 Luglio, quando otto superstiti, avvistati da aerei italiani, furono raccolti dalla nave rompighiaccio russa “Krassin”, che salvò l’equipaggio da sicura morte per assideramento.

Biagi morì il 2 Novembre 1965 all’età di 68 anni.

Memori di questa sfortunata vicenda, accorsa all’equipaggio del dirigibile Italia, ma  al più significativo intervento insistente e risolutivo del marconista del Gruppo, Giuseppe Biagi, suo nonno, nella riunione serale di mercoledì 31 ottobre 2018, su iniziativa del Presidente della Sezione E.R.A. di Palermo, Dr. Giovanni Arcuri IT9COF, venne  proposta l’attivazione di una apposita stazione IQ9EA sulla frequenza monitor di 7.092 Mhz presso il locator JM67MR in località SALAPARUTA(Tp) per il 17-11-2018 ed  istituzionalizzata con cadenza annuale.

La allocazione prescelta è stata messa a disposizione dal radioamatore dell’ERA Antongiulio Cuttitta IT9GTC.

E’ stata all’uopo predisposta un’apposita QSL card da inviare ai radioamatori che avrebbero contattato la stazione. Il 6 novembre venne pubblicato il regolamento sul sito facebook dell’ERA.

La giornata celebrativa è stata vissuta con passione, impegno e con grande soddisfazione di risultati, visto l’interesse dimostrato dai radioamatori, attraverso i collegamenti effettuati e che hanno consolidato la decisione di perpetuare l’esperienza vissuta al riguardo.

La S.V., quale discendente del radiotelegrafista Giuseppe Biagi, voglia accogliere benevolmente l’invito della nostra Associazione ad onorarci della sua assolutamente disinteressata compartecipazione emotiva a questa iniziativa in onore del suo eroico predecessore, motivo per la nostra Associazione di grande orgoglio e stimolo a continuare su questa strada.

A Lei la nostra gratitudine, attraverso il rilascio della prima QSL Card commemorativa, l’ ambita n.00 per l’esattezza, a testimonianza del nostro rispetto ed affetto verso il suo illustre antenato e a Lei personalmente, che si auspica poter conoscere di presenza, magari in occasione di apposito  simposio che si potrebbe all’uopo organizzare, ove lo voglia, con la sua gradita partecipazione.

Grazie e cordiali saluti, nonché i più sentiti auguri per le imminenti festività natalizie e di fine ed inizio d’anno da parte del sottoscritto e dei radioamatori Eraniani tutti.

                                                             Il Presidente dell’ERA.
                                                                 Europen Radioamateurs Association
                                                                                   Sezione di Palermo
                                                                                                                                                                   ( Dr. Giovanni Arcuri )

By IT9 WAT

Facebooktwitterby feather
Tony

Author: Tony