Esercitazione di Protezione Civile del Comune di Palermo sulla strada vicinale Badame

Inusitata e singolare esperienza  quella occorsa nelle pregresse giornate a cominciare dal 12 gennaio c.a. fino al 26 dello stesso mese.

Veniamo ai fatti!  Il 12 gennaio, su richiesta della Protezione Civile del Comune di Palermo, nella persona del suo più alto esponente, l’Arch. Franco Mereu, vengono convocate le principali associazioni di volontariato che operano nel territorio per chiederne la collaborazione in vista di un censimento della popolazione residente lungo la strada vicinale Badame ad ovest del fiume Oreto, tenuto conto che il canale al cui interno scorre un torrente, in occasione di forti piogge ha talora tracimato dal  naturale percorso per riversarsi sulle abitazioni adiacenti, mettendo in pericolo gli abitanti.

Il 15 si attiva il censimento patrocinato dalla protezione civile comunale  con la collaborazione operativa delle associazioni di volontariato, fra cui l’ERA Palermo, si dà il via al censimento in  loco.

Appuntamento alle ore 9.30 in via Badame . Per l’ERA col Presidente IT9COF Giovanni Arcuri, il neofita  Francesco Russo,  IT9AAD Andrea Failla e IT9WAT Mimmo Radosta, procedono al censimento della popolazione residente sulla tratta finale della strada, mentre  le altre associazioni si occupano di fare altrettanto, ciascuna per una sezione  dell’intera strada fino al completamento.

Tale iniziativa mirava a mettere in evidenza tutti i residenti della zona a rischio ed in particolar modo quelli che per inabilità o malattie croniche non fossero in condizioni di deambulare in caso di emergenza idrogeologica, nonché gli animali domestici, anch’essi meritevoli di attenzione.

Dai risultati ottenuti si è potuto constatare che si sono in tutto riscontrate 8 casi di inabilità motorie, per non parlare degli animali domestici, specialmente cani , trattandosi prevalentemente  di zona a villette.

Nella giornata del 22 si riunisce presso la Protezione Civile del Comune di Palermo, la Commissione composta dal Dirigente della Protezione civile Arch. Franco Mereu, da un funzionario dell’AMAP, da esponenti dell’ Ordine degli Ingegneri,  della Croce Rossa, dei vigili del Fuoco, della Polizia Urbana,  da tecnici esperti e dalle Associazioni di volontariato.

Per l’ERA Palermo interveniva  il Presidente Dr. Giovanni  Arcuri IT9COF e i soci Giovanni Scelfo IT9GXT e Mimmo Radosta IT9WAT.

Si definiscono in questa sede le modalità ed i tempi dell’intervento simulato, i mezzi, le Associazioni e gli uomini che dovranno parteciparvi.

Scopo dell’esercitazione è quello di simulare un evento di emergenza idrogeologica, in cui la Protezione Civile dovrà intervenire per evacuare la popolazione residente, fornire medicine e alimenti, salvare gli animali domestici.

Domenica 26 il grande giorno! Una splendida giornata ha fatto da cornice a questa singolare esperienza degli operatori della nostra ERA. Il sole a quell’ora troneggiava maestoso nel cielo acquamarina ed era inconsuetamente confortevole data la stagione, poiché irraggiava nell’aria cristallina un’anticipazione dei tepori primaverili, mentre l’ansiosa attesa per l’avvio della esercitazione rendeva  trepidi i cuori degli operatori,  specie quelli dei numerosi nuovi adepti dell’Era alla loro prima esperienza operativa sul campo.

Nella prima mattinata i vigili urbani chiudono al traffico la via Scorzadenaro, il breve tratto di strada ove sarà allocato il Centro Operativo Comunale all’interno della tenda pneumatica fornita ed approntata dall’ERA, nonché i mezzi operativi, autoambulanze della Croce Rossa, fuori strada, camion , pulmino, furgone ERA Palermo attrezzato per le comunicazioni, che arrivano tosto.

Sotto la direzione esperta del nostro IT9GDC Antongiulio Cuttitta si installa dalle 9,30 alle 10 il tendone, che viene reso disponibile per accogliere le Autorità Comunali quelle degli altri Enti e gli esperti , intervenuti per gestire le operazioni.

Alle dieci in punto l’Arch. Mereu dà il via all’esercitazione e  le autoambulanze della Croce Rossa aprono il corteo emergenziale, con  a bordo almeno un radioamatore ERA per ognuna di esse. Si dispongono prontamente lungo il percorso della via Badame  e iniziano le simulazioni di salvataggi e messa in sicurezza degli abitanti e della distribuzione di vettovaglie e medicinali. 

Il torrente adiacente nella parte superiore scorre agevolmente lungo un alveo in cemento privo di vegetazione, ma nella parte terminale inferiore serpeggia per qualche centinaio di metri su fondo naturale prima di immettersi nel canalone sotterraneo, che da sotto la circonvallazione immette le sue acque sul fiume Oreto dalla scarpata inferiore rispetto al ponte, all’altezza del Bar Baby Luna.

L’attuale configurazione del torrente fa sì che il flusso dell’acqua  a monte avanzi normalmente senza rallentamenti, ma più a valle, in caso di abbondanti piogge, l’alveo infittito di vegetazione arboricola e cespugliosa impedisce il naturale flusso delle acque fino a sradicare tutto ciò che incontra, ostruendo

il canalone sotterraneo  di fine corsa, con la conseguenza che l’acqua risale ed allaga tutte le abitazioni lungo il corso della strada vicinale Badame.

Su come prevenire tali eventi calamitosi spetta ad altri Uffici Comunali provvedere, alla Protezione Civile il solo compito di intervenire prontamente ed il più efficacemente possibile in caso di alluvione in soccorso alla gente del posto.   

 Le operazioni vengono concluse alle ore 12 e, al ritorno degli  equipaggi operativi sulla via Scorzadenaro, viene smontata la tenda gonfiabile che pone fine per ultimi all’esercitazione da parte dei componenti dell’ERA.

Ampia eco è stata data dai media locali sulla esercitazione/simulazione di protezione civile sia per attenzionare preventivamente la popolazione residente nella zona, ma anche per dare a posteriori  notizia dell’evento   alla cittadinanza palermitana.

Ad onor di cronaca questo è stato il nutrito drappello degli Eraniani presenti, che con passione e professionalità si sono distinti per l’impegno profuso alla perfetta riuscita dell’esercitazione:

il Presidente della Sezione di Palermo IT9COF  Giovanni  ARCURI, IT9GDC Antongiulio  CUTTITTA, IT9AAD Andrea          FAILLA, IT9GBL Girolamo IMPASTATO, IT9HNQ Marco MAGGIO, IT9FUT Silvia MANISCALCO, IW9CHH Tony MARLETTA, IT9WAT Mimmo RADOSTA, IT9GXT Giovanni  SCELFO, IW9HMB Mimmo ZACCHIA, i neofiti Francesco RUSSO, Rosa Tea  CARAPEZZA, Marcella e Angela  DUMINICU, Anna Maria PATTAVINA.

 

Ad essi  va il plauso degli Organizzatori Istituzionali, che a ricordo dell’esercitazione hanno rilasciato apposito attestato di partecipazione a tutti gli intervenuti,  ed il sentito ringraziamento da parte del Presidente della Sezione IT9COF Giovanni Arcuri, cui ha subito fatto eco quello del Presidente Nazionale IT9 LND Marcello Vella, che si è congratulato con tutti.

Un particolare ringraziamento infine ad IT9AAD Andrea Failla per il suo spettacolare servizio fotografico!

Alle prossime!

IT9WAT Mimmo Radosta

Facebooktwitterby feather
Avatar

Author: Mimmo Radosta